Tour della Basilica di Santa Croce

tour basilica santa croce
  • Piazza Santa Croce 

  • Tomba di Michelangelo

  • Tomba di Galileo

  • Cappelle dipinte da Giotto

  • Cappella Baroncelli

  • Croce dipinta da Cimabue

  • Refettorio

Durata del tour: 3 ore
Difficoltà: bassa
Adatto ai bambini: sì
Accessibilità per i diversamente abili: sì
Dislivello: 10 metri

Ulteriori info in fondo alla pagina

La Basilica di Santa Croce: Pantheon degli italiani

Un tour della Basilica di Santa Croce non vuol dire solo visitare una delle chiese più belle e maestose di Firenze, ma anche scoprire uno degli edifici più noti della storia italiana: la chiesa è conosciuta infatti per essere il Pantheon degli italiani poiché conserva al suo interno le sepolture di personaggi illustri della storia e della cultura italiana, come ad esempio quella di Galileo, di Michelangelo e di Machiavelli. Grazie al suo stile gotico dalle linee sobrie che furono progettate da Arnolfo di Cambio – uno degli scultori e architetti più importanti tra due e Trecento –, la Basilica è inoltre un autentico gioiello di architettura.

Il nostro tour di Santa Croce comincerà dal piazzale antistante la basilica, un luogo molto importante della storia fiorentina sia perché ha visto lo svolgersi di eventi legati a uomini celebri – tra i tanti, Dante  Alghieri e Giuliano de’ Medici – e sia perché oggi questa piazza è lo scenario del Calcio storico fiorentino, una delle tradizioni più antiche e concitate della città. La piazza è anche il luogo dove si possono apprezzare alcuni dei palazzi storici di Firenze, come ad esempio il Palazzo dell’Antella, un edificio la cui decorazione fu voluta da un cavaliere di Malta che, come vedremo, durante la sua vita ebbe importanti contatti con il grande pittore Caravaggio

tour basilica santa croce

Storie della vera Croce, Agnolo Gaddi, Cappella maggiore

La chiesa francescana più grande al mondo

Entrando all’interno della Basilica, quello che prima di tutto colpirà la tua attenzione sarà la sua maestosità. Ebbene, c’è da sapere che Santa Croce è la chiesa francescana più grande al mondo: la lunghezza dell’edificio è di ben centoquindici metri e la sua larghezza di trentotto.

Cominceremo a vedere le sepolture partendo da quella di Michelangelo, decorata con le allegorie delle Arti in cui egli fu maestro indiscusso: la Pittura, la Scultura e l’Architettura. Di questa sepoltura sarà interessante scoprire che la sua posizione è in qualche modo collegata al grande altare che si trova alla sua sinistra dove, in una tela raffigurante la Salita al Calvario, un uomo ha le sembianze proprio di Michelangelo Buonarroti… Andremo poi a scoprire la tomba di Galileo Galilei, padre della scienza moderna, colui che, secondo quanto scriveva Ugo Foscolo nei Sepolcri – , «vide/sotto l’etereo padiglion rotarsi/ più mondi, e il Sole irradiarli immote […]» .

La tomba di Galileo e la strana corrispondenza con Michelangelo…

Le statue delle allegorie che sormontano la tomba e che simboleggiano le discipline studiate dallo scienziato dovevano essere tre e non solo due come oggi si vede: oltre alla Geometria e all’Astronomia, La Filosofia avrebbe dovuto completare la decorazione della tomba ma, per un motivo che scopriremo, le autorità ecclesiastiche non diedero il permesso di aggiungerla… Altra cosa curiosa riguardante Galileo è che, per circa un secolo, la sua sepoltura si trovò collocata in un altro luogo della chiesa – pressoché nascosto alla vista dei fedeli. Una volta inumato nella posizione attuale, la sua tomba fu sistemata esattamente in corrispondenza di quella di Michelangelo: scopriremo assieme quali sono le inaspettate e sorprendenti connessioni tra i due geni toscani… Nella Basilica di Santa Croce abbiamo anche la tomba di Niccolò Machiavelli, grande teorico della politica e autore di una famosa opera letteraria intitolata il Principe. Vedremo poi la tomba del musicista Gioacchino Rossini, autore della celebre opera lirica Il Barbiere di Siviglia. Troveremo infine la tomba del poeta Ugo Foscolo, autore di un carme che ha contribuito non poco alla fama delle sepolture di Santa Croce.

Dove la Sindrome di Stendhal ebbe inizio…

Continuando il tour della Basilica di Santa Croce, scopriremo il luogo dove, nell’Ottocento, il poeta francese Stendhal – a causa dell’ammirazione oltremisura provata per le opere nel mentre visitava la chiesa – fu vittima di un mancamento fisico che è passata poi alla storia proprio con il nome di Sindrome di Stendhal. Con questo termine oggi si definisce la sensazione di estasi e ammirazione provata dalle persone davanti alle opere d’arte o a luoghi di particolare suggestione, proprio come accadde al letterato francese.

tour basilica santa croce

Cappella Baroncelli, Taddeo Gaddi

tomba michelangelo

Tomba di Michelangelo, Basilica di Santa Croce

Le Storie della vera Croce di Agnolo Gaddi

Avvicinandoci all’altare maggiore, ammireremo il grande tripudio di colori creato nella zona dell’abside dall’alternarsi delle brillanti figure delle vetrate e i vivaci pigmenti di Agnolo Gaddi che, nella seconda metà del Trecento, qui dipinse un ciclo con le Storie della vera CroceAccanto alla cappella maggiore, potremo ammirare le innovative scene dipinte da Giotto nelle Cappelle dei Bardi e dei Peruzzi. Il grande artista fiorentino fu chiamato da queste due ricche famiglie che, proprietarie di ‘banche’, poterono non solo permettersi di contrattare colui che era il pittore più richiesto all’epoca – per l’appunto, Giotto – ma persino prestare un’ingente somma di denaro al re d’Inghilterra Edoardo III per le sue campagne militari in Francia . Come vedremo, qualcosa di drammatico però accadde nel 1342

La Croce di Cimabue e la Cappella Pazzi

Dopo aver visto i capolavori all’interno della chiesa, passeremo a vedere le opere che si conservano negli ambienti adiacenti ad essa, come ad esempio nella Sagrestia, dove troviamo la celebre Croce dipinta da Cimabue – il maestro di Giotto. Il corridoio che raccorda la chiesa con la Cappella del Noviziato ci permetterà di andare verso l’esterno che è dove troveremo un elegantissimo portico; collegato a quest’ultimo si trova la Cappella Pazzi, ambiente di patronato della nota famiglia che, nel Quattrocento, fu coinvolta in una celebre congiura contro i Medici…

Dopo aver visitato il museo e il chiostro, concluderemo il nostro tour della Basilica di Santa Croce nel Refettorio, un ambiente di grande raffinatezza che, nonostante le disastrose alluvioni di cui è stato vittima nel corso dei secoli, conserva ancora degli affreschi trecenteschi opera di Agnolo Gaddi, tra cui un bellissimo Lignum Vitae –una rappresentazione particolare della Crocifissione di Cristo la cui croce si dirama come fosse un grande albero.

Una volta concluso questo percorso di grande suggestione, il visitatore arriva a realizzare che, per le opere d’arte e le testimonianze storiche straordinarie, la Basilica di Santa Croce è un luogo davvero unico: visitarla vuol dire scoprire un pezzo della storia d’Italia.

Lignum Vitæ, Taddeo Gaddi, Refettorio

tour santa croce

Cappella Pazzi

Questo tour si può prenotare anche in combinazione con gli altri tour disponibili su Firenze e Siena, consultabili nel Menu.

Il prezzo del biglietto per la Basilica non è incluso nella tariffa del tourPer info sui biglietti cliccare qui. Per info sugli orari di accesso alla Basilica per i visitatori cliccare qui.

Un modo conveniente per avere accesso a più musei e utilizzare i mezzi pubblici fiorentini è tramite la Firenze Card

La guida non fornisce servizio di trasporto privato. Per i gruppi organizzati/comitive con bus turistico, ci sono punti di discesa e risalita dei passeggeri nel centro urbano di Firenze (cliccare qui per visualizzare i punti). I bus turistici sono soggetti al pagamento di un checkpoint (maggiori info cliccando qui)

Per altre info, prenotazioni, o per avere il contatto di un driver autorizzato che fornisca il servizio privato di transfer, scrivere a:

info@guidaturistica-michelebusillo.com

Contatti











  • EnglishEnglish
  • EspañolEspañol
  • ItalianoItaliano
  • A partire da 35 € a persona. 2 ore Scopri di più
    info@guidaturistica-michelebusillo.com

    Michele Busillo

    Guida turistica abilitata per il territorio di Siena e Firenze
    P.Iva: 05245900658
    Pec: michele.busillo@pec.it
    Cookie Policy
    Privacy Policy

    Contatti

    Per info su preventivi per i gruppi, o per personalizzare l’itinerario contattatemi a:
    Mail: info@guidaturistica-michelebusillo.com
    Mobile: +39 3332591526

    Chi sono

    Mi chiamo Michele Busillo e sono una guida turistica abilitata per le province di Firenze e Siena, in lingua italianaspagnola ed inglese. Vivo nel Chianti, a metà strada tra le città del Palio e la culla del Rinascimento. Amo far scoprire ai visitatori la bellezza di un territorio davvero unico.

    Copyright © 2018 by Guida Turistica Michele Busillo

    Michele BusilloGuida turistica abilitata per il territorio di Siena e FirenzeGuida Turistica in Toscana, abilitata per Siena e FirenzeTour di Firenze passeggiando per l’elegante centro storico della città.