Tour del Monte Amiata

tour amiata
  • Centro storico di Radicofani

  • Fortezza di Radicofani

  • Bagni San Filippo

  • Borgo Abbadia San Salvatore

  • Cripta longobarda

  • Borgo di Santa Fiora

  • Peschiera di Santa Fiora

Durata del tour: 2/4/6 ore
Difficoltà: medio-alta
Adatto ai bambini: sì

 

Accessibilità per i diversamente abili: no Fortezza Radicofani; no Cripta longobarda Abbadia San Salvatore,
Dislivello: 120 metri
Ulteriori info in fondo alla pagina (o cliccare qui)

Tour dell’Amiata, incanto oltre il paesaggio della Toscana

Oltre il paesaggio decantato della Toscana, quello dei cipressi e di campi dorati, esiste un luogo dove la natura si mostra ancora selvaggia e affascinante nel suo essere difficilmente addomesticabile; per scoprire questo luogo bisogna lasciare la bassa quota delle colline della Val d’Orcia per salire verso vette in cui è possibile scoprire la storia di uomini e della loro civiltà millenaria: tutto questo lo potrai scoprire con il tour del Monte Amiata.

Cominceremo questo bellissimo percorso da Radicofani. Avvicinandosi a questo borgo in auto o in bus, quello che catturerà la tua attenzione sarà la vista, quasi onirica, di un paesaggio brullo, in cui a risaltare sono le grigie colline delle crete, continuamente modellate dall’azione erosiva del vento.

Man mano che ti avvicinerai, ti accorgerai come andremo rapidamente salendo di quota, con l’aria che diventerà sempre più rarefatta e fredda, persino se ti capiterà di fare questo tour in estate. Radicofani è un borgo che sorge a 800 mt slm. Documentata sin dall’età del Ferro, grazie al rinvenimento di reperti che attestano la presenza di insediamenti sul territorio, questa località fu nel Medioevo un importante punto di controllo sul tracciato della Via Francigena.

tour amiata

Chiesa San Pietro, Radicofani

La Fortezza di Radicofani

Quando avremo raggiunto il borgo, la prima cosa che noterai è il colore scuro dei suoi edifici; questa caratteristica si deve alla basanite  la locale pietra vulcanica – ampiamente utilizzata nelle costruzioni sia civili che religiose.

Questo avamposto accolse tra le sue mura arroccate un ribelle che proveniva da Siena, passato alla storia con l’appellativo di “Robin Hood della Val d’Orcia”: il ribelle si chiamava Ghino di Tacco. Attraverso le storie che avrò da raccontarti su questo personaggio quasi legendario, scoprirai il motivo per cui lo si ricorda con questo simpatico appellativo. I monumenti che si visiteranno a Radicofani, come la Chiesa di San Pietro, la chiesa di Sant’Agata e la Fortezza, sono ancora oggi i chiari segni del ruolo di avamposto svolto da questo borgo, specialmente nei tempi in cui questa era una ‘terra di confine’, contesa da eserciti, comuni e signorie. 

Da Radicofani scenderemo verso valle per raggiungere Bagni San Filippo. Fermandoci presso quest’altra nota località termale, andremo ad ammirare la cosiddetta Balena Bianca, una sorta di sedimento roccioso formatosi tramite le stratificazioni dell’acqua sulfurea che fuoriesce dalle sorgenti qui presenti e che con il tempo ha creato un’immagine simile a una balena. Incoraggiati dall’acqua calda che ancora oggi continua a sgorgare, sono molti quelli che si fermano qui per fare un bagno e rilassarsi con gli amici, soprattutto nei weekend. Lasciata Bagni San Filippo, raggiungeremo l’ultima tappa del nostro tour dell’Amiata: il borgo di Abbadia San Salvatore

Centro sviluppatosi nel Medioevo attorno a un importante monastero – da cui ha preso l’attuale nome – , Abbadia San Salvatore è oggi una delle cittadine più pittoresche della provincia di Siena. Una peculiarità di questo borgo è il fatto che le architetture dell’abitato ricordano molto gli edifici della zona della Tuscia – una caratteristica che si deve alla vicinanza di Abbadia San Salvatore alla zona dell’alto Lazio.

Dopo aver visitato il centro storico, in parte ancora racchiuso dalle antiche mura, andremo a visitare la chiesa dell’Abbazia di San Salvatore, un edificio risalente all’epoca medievale e oggi curato da una comunità di monaci Cistercensi. Una volta entrati in chiesa, sull’altare maggiore potremo ammirare un bellissimo crocifisso ligneo risalente all’età romanica, uno dei più antichi e pregiati manufatti che si siano conservati in Toscana.

Radicofani

Monumento a Ghino di Tacco

Cripta longobarda, Abbadia San Salvatore

La cripta, una meraviglia dell’epoca longobarda

Ma il vero gioiello della chiesa è la sua meravigliosa Cripta – risalente all’VIII secolo –, una rarissima testimonianza architettonica dell’epoca longobarda. La ‘selva’ di colonne che vedrai in questo ambiente di incredibile suggestione ti riporterà con l’immaginazione al tempo in cui i monaci officiavano riti religiosi sotto queste volte, avendo come luce quella delle candele, come suono quello dei canti in latino e come profumo quello dell’incenso. Dopo aver visitato la cripta della chiesa, potremo vedere anche il Museo dell’Abbazia che, oltre a preziose suppellettili, custodisce un facsimile di un grande capolavoro dell’arte della miniatura, conservato in questo monastero fino alla fine del XVIII secolo: la Bibbia Amiatina.

Dopo la visita di Abbadia San Salvatore, la nostra ultima tappa del tour del Monte Amiata sarà Santa Fiora.

Situata nel grossetano, sull’altro versante del grande ex vulcano, Santa Fiora è un ridente borgo che conserva intatto il fascino del borgo medievale dove il turismo non ha ancora snaturato i ritmi lenti fatti di un vivere intimo, in cui tradizioni legate ai prodotti di eccellenza del territorio – il marrone in primis – restituiscono, a chi si inerpica all’interno di queste montagne, un calore familiare ormai non più ritrovabile altrove.

Partiremo con la visita di Santa Fiora da Piazza Garibaldi, suggestivo spazio cuore della comunità, dove è visibile la torre municipale, affiancata dal rinascimentale Palazzo Sforza Cesarini, antica sede di una contea. Vedremo la bellissima Pieve di Santa Flora e Lucilla, edificio già noto nel XII secolo, poi rifatto nel Quattrocento. All’interno della chiesa scopriremo insieme la bellissima serie di terracotte robbiane, una delle più vaste di tutta la storia dell’arte. 

Concluderemo il nostro tour del Monte Amiata con la vista di un luogo che non ti aspetteresti mai: la peschiera. Quasi una sorta di spazio magico, questa struttura, realizzata nel medioevo per assicurare ai santafioresi l’apporto nutritivo di pesce, è una grande vasca che si trova ai piedi del paese. Se già la vista della peschiera è un qualcosa di affascinante e romantico, ancora più sorprendente sarà scoprire che l’acqua che alimenta questa bella vasca nasce dal pavimento di un’antica chiesa che si trova qui nei pressi. Alla fine di questo tour dell’Amiata ti sembrerà che qui il tempo pare essersi davvero fermato. Qui è dove la natura e la storia si fondono, regalandoti un’immagine della Toscana che non ti saresti mai aspettato.

Bibbia Amiatina

Dettaglio della Bibbia Amiatina

tour amiata

Piazza centrale, Santa Fiora

perchiera

Peschiera, Santa Fiora

Informazioni importanti sul tour (cliccare qui)

Questo tour può essere prenotato anche in combinazione con gli altri tour e trekking disponibili su Siena e Firenze, consultabili nel Menu. 

L’attività che qui si propone non è un tour a raccolta ma è un tour privato che si effettua su richiesta di individuali o comitive organizzate con un’agenzia turistica e può essere personalizzato per ora d’inizio, luogo d’incontro e durata, a seconda delle esigenze del cliente.

 

Durata tour Monte Amiata

La durata del tour del Monte Amiata può essere di 2,4 ore o 6 ore. Con la visita di 2 ore si riesce a visitare Radicofani. Con la visita di 4 ore si riesce a visitare Radicofani, Bagni San Filippo e Abbadia San Salvatore. Con la visita di 6 ore si riesce a visitare Radicofani, Bagni San Filippo, Abbadia San Salvatore e Santa Fiora.

Costo della visita guidata

Il costo per un tour privato del Monte Amiata di 2 ore è di 110,00 € (prezzo in totale e non a persona), per 4 ore 200,00 €, per 6 ore 270,00 € (sempre prezzo in totale e non a persona). Queste tariffe sono applicate per gruppi fino a 9 persone. Per i gruppi maggiori di 9 persone consultare la pagina delle tariffe. Il tour può essere prenotato scrivendo una mail o telefonando al +393332591526 o messaggiando la guida (anche tramite Whatsapp o Telegram) per verificare la disponibilità per il giorno desiderato. Il pagamento del tour può essere effettuato dopo la visita guidata con carta, bonifico o contanti.

 

Politica di cancellazione

È responsabilità della guida garantire in ogni caso il servizio di guida. Se anche per motivi personali la guida non è in grado di svolgere il servizio nella data fissata con il cliente, sarà sua premura rivolgersi ad un collega di fiducia che possa sostituirlo e quindi garantire il servizio al cliente.

La cancellazione del tour può essere fatta gratuitamente dandone tempestiva comunicazione alla guida. Se la cancellazione avviene da parte del cliente quando mancano meno di 48 ore alla data concordata per il servizio, il cliente è tenuto a pagare una penale pari al 100% dell’importo del tour che si era concordato.

Nel caso in cui il cliente avesse pagato in anticipo il tour, la somma sarà interamente restituita dalla guida se la cancellazione sarà avvenuta prima di 48 ore dalla data e l’ora concordata per il tour.

Qualora invece la cancellazione avvenisse quando mancano meno di 48 ore alla data e l’ora prevista, la somma versata non sarà rimborsata.

 

Noleggio radio obbligatorio da 6 persone in poi

Dalle 6 persone in poi, per facilitare l’ascolto delle spiegazioni e assicurare il distanziamento sociale all’aperto, è strettamente consigliato il noleggio di dispositivi radio con trasmittente che assicurano il perfetto ascolto delle spiegazioni della guida anche a distanza; se poi si visita l’interno dei monumenti, il noleggio delle radio è obbligatorio dalle 4 persone in poi. La prenotazione del servizio è effettuata dalla guida nel momento in cui viene richiesta la visita guidata, ma il costo del noleggio, che è di 1,50 € a persona, è a carico del cliente e può essere saldato direttamente alla guida che poi si incaricherà di pagare il fornitore.

Gli accompagnatori o docenti delle scolaresche non pagano il noleggio della radio.

Poiché la guida non è un’agenzia turistica, non può occuparsi di organizzare la pausa pranzo per il cliente ma solo fornire al limite dei suggerimenti di posti dove potrebbe avvenire la pausa pranzo.

 

Orari di apertura Fortezza di Radicofani:

Dal 1 Novembre al 31 Marzo  
Aperta Sabato e Domenica10:00 – 17:00

 

Dal 1 Aprile al 31 Ottobre

 
Aperta tutti i giorni10:00 – 20:00

 

Prezzi biglietti Fortezza di Radicofani:

Prezzo intero4,00 €
Biglietto gratuito 
Bambini fino a 6 anni 

 

 

Orari di apertura Peschiera e Parco di Santa Fiora:

Aperta tutti i giorni 9:00 – 19:00

 

 

Prezzo di ingresso Peschiera e Parco di Santa Fiora:

Biglietto unico1,00 €

 

I biglietti di ingresso alla Fortezza di Radicofani e alla Peschiera Parco di Santa Fiora non sono compresi nella tariffa del tour

 

La guida non fornisce servizio di trasporto privato

Per info sui biglietti dei musei, prenotazione del tour, o per avere il contatto di un driver autorizzato che fornisca il servizio privato di transfer, scrivere a:

info@guidaturistica-michelebusillo.com, anche tramite Whatsapp o Telegram 

 

Torna alla descrizione dell’itinerario

Info per raggiungere l'area del Monte Amiata

In auto

A causa della mancanza di collegamenti con mezzi pubblici tra le tappe dell’itinerario, effettuare lo spostamento con la propria auto o un’auto noleggiata (oppure con bus turistico per una comitiva organizzata con un’agenzia) rimane ancora il modo più conveniente per fare l’itinerario per intero.

Radicofani può essere raggiunta mediante l’Autostrada A1 (uscita Chiusi Chianciano se si proviene da Roma o da Milano; proseguire poi seguendo le indicazioni verso Radicofani – Sarteano, poi Radicofani.

Per raggiungere Bagni San Filippo e Abbadia San Salvatore, proseguire da Radicofani in direzione Abbadia San Salvatore tramite il tracciato della SR Cassia 2.

Parcheggi gratuiti sono disponibili a Radicofani presso la SP 24, (un altro sempre sulla SP24). A Bagni San Filippo Quirico esiste un piccola area di sosta gratuita (cliccare qui per visualizzarla); e poi disponibile un altro parcheggio a pagamento lungo Via del fosso bianco.

Ad Abbadia San Salvatore zone di sosta gratuita sono presenti in Via I Maggio, nell’area dell’adiacente Supermercato, o nei pressi di Via Suor Gemma.

A Santa Fiora parcheggi gratuiti sono disponibili in Via San Rocco, in Via delle Fontane (il centro storico può essere raggiunto velocemente con l’utilizzo di un’ascensore qui presente), o lungo Via della Peschiera.

 

In treno

Le stazioni più vicini ai luoghi dell’itinerario sono Chiusi Chianciano.Da questa il modo più comodo per procedere è mediante un’auto a noleggio. L’orario dei treni per Chiusi Chianciano è consultabile sul sito di Trenitalia.

 

In Taxi

Per le località di questo itinerario non esiste un servizio taxi ufficiale ma sono presenti aziende private che, oltre al servizio di NCC, offrono anche il servizio taxi. Le aziende sono facilmente rintracciabili tramite una ricerca sul web.

 

Gruppi organizzati con bus turistico

Per i gruppi organizzati/comitive con bus turistico, ci sono punti di discesa e risalita dei passeggeri su tutto lungo l’itinerario (cliccare qui per visualizzare i punti sulla mappa).

 

In camper

Per maggiori info su un’area dedicata ai camper a Radicofani cliccare qui. Per maggiori info su aree camper ad Abbadia San Salvatore e dintorni cliccare qui.

Per maggiori dettagli su un’area di sosta camper a Santa Fiora cliccare qui

Torna alla descrizione dell’itinerario