Tour del Monte Amiata

tour amiata
  • Antiche Terme di Bagno Vignoni

  • Centro storico di Radicofani

  • Fortezza di Radicofani

  • Bagni San Filippo

  • Borgo Abbadia San Salvatore

  • Cripta longobarda

Durata del tour: 6 ore
Difficoltà: medio-alta
Adatto ai bambini: sì
Accessibilità per i diversamente abili: no Fortezza Radicofani; no Cripta longobarda Abbadia San Salvatore
Dislivello: 120 metri
Ulteriori info in fondo alla pagina

Tour dell’Amiata, incanto oltre il paesaggio della Toscana

Oltre il paesaggio decantato della Toscana, quello dei cipressi e di campi dorati, esiste un luogo dove la natura si mostra ancora selvaggia e affascinante nel suo essere difficilmente addomesticabile; per scoprire questo luogo bisogna lasciare la bassa quota delle colline della Val d’Orcia per salire verso vette in cui è possibile scoprire la storia di uomini e della loro civiltà millenaria: tutto questo lo potrai scoprire con il tour del Monte Amiata.

Cominceremo questo bellissimo percorso da Bagno Vignoni, località termale nota sin dall’epoca romana e frequentata da grandi personalità, come Santa Caterina da Siena e Lorenzo il Magnifico. Qui vedremo la famosa vasca medievale del borgo da cui, ancora oggi, sorge naturalmente acqua sulfurea; l’aspetto pittoresco della vasca termale ti permetterà di contemplare un’immagine davvero incantevole, che ispira un senso di tranquillità e di armonia. La grande capacità evocativa delle Terme di Bagno Vignoni ha suggestionato persino il famoso cineasta russo Andrej Tarkovskij che qui volle girare alcune scene di uno suo famosissimo film: NostalghiaCi sposteremo verso il Parco dei Mulini, distante pochi metri dalla vasca, dove avremo modo di osservare come funzionava l’articolato sistema di canali che, attraverso lo sfruttamento della forza cinetica dell’acqua proveniente dalla vasca sorgiva, permetteva fino a pochi decenni fa il funzionamento dei mulini qui installati i quali venivano utilizzati già nel Medioevo dagli abitanti della campagna circostante.

tour amiata

Fortezza di Radicofani

Sulla strada per Radicofani

Dopo la visita di Bagno Vignoni, continueremo il nostro tour del Monte Amiata in direzione del borgo arroccato di Radicofani.

Durante lo spostamento in auto o in bus, quello che catturerà la tua attenzione sarà la vista, quasi onirica, di un paesaggio brullo, in cui a risaltare sono le grigie colline delle crete, continuamente modellate dall’azione erosiva del vento.

Man mano che ci avvicineremo a Radicofani, ti accorgerai come andremo rapidamente salendo di quota, con l’aria che diventerà sempre più rarefatta e fredda, persino se ti capiterà di fare questo tour in estate. Radicofani è un borgo che sorge a 800 mt slm. Documentata sin dall’età del Ferro, grazie al rinvenimento di reperti che attestano la presenza di insediamenti sul territorio, questa località fu nel Medioevo un importante punto di controllo sul tracciato della Via Francigena.

La Fortezza di Radicofani

Quando avremo raggiunto il borgo, la prima cosa che noterai è il colore scuro dei suoi edifici; questa caratteristica si deve alla basanite  la locale pietra vulcanica – ampiamente utilizzata nelle costruzioni sia civili che religiose. Questo avamposto accolse tra le sue mura arroccate un ribelle che proveniva da Siena, passato alla storia con l’appellativo di “Robin Hood della Val d’Orcia”: il ribelle si chiamava Ghino di Tacco. Attraverso le storie che avrò da raccontarti su questo personaggio quasi legendario, scoprirai il motivo per cui lo si ricorda con questo simpatico appellativo. I monumenti che si visiteranno a Radicofani, come la Chiesa di San Pietro, la chiesa di Sant’Agata e la Fortezza, sono ancora oggi i chiari segni del ruolo di avamposto svolto da questo borgo, specialmente nei tempi in cui questa era una ‘terra di confine’, contesa da eserciti, comuni e signorie. 

Da Radicofani scenderemo verso valle per raggiungere Bagni San Filippo. Fermandoci presso quest’altra nota località termale, andremo ad ammirare la cosiddetta Balena Bianca, una sorta di sedimento roccioso formatosi tramite le stratificazioni dell’acqua sulfurea che fuoriesce dalle sorgenti qui presenti e che con il tempo ha creato un’immagine simile a una balena. Incoraggiati dall’acqua calda che ancora oggi continua a sgorgare, sono molti quelli che si fermano qui per fare un bagno e rilassarsi con gli amici, soprattutto nei weekend. Lasciata Bagni San Filippo, raggiungeremo l’ultima tappa del nostro tour dell’Amiata: il borgo di Abbadia San Salvatore

Radicofani

Monumento a Ghino di Tacco

tour montalcino sant'antimo abbey

‘Balena bianca’ di Bagni San Filippo

Il borgo pittoresco di Abbadia San Salvatore

Centro sviluppatosi nel Medioevo attorno a un importante monastero – da cui ha preso l’attuale nome – , Abbadia San Salvatore è oggi una delle cittadine più pittoresche della provincia di Siena. Una peculiarità di questo borgo è il fatto che le architetture dell’abitato ricordano molto gli edifici della zona della Tuscia – una caratteristica che si deve alla vicinanza di Abbadia San Salvatore alla zona dell’alto Lazio.

Dopo aver visitato il centro storico, in parte ancora racchiuso dalle antiche mura, andremo a visitare la chiesa dell’Abbazia di San Salvatore, un edificio risalente all’epoca medievale e oggi curato da una comunità di monaci Cistercensi

La cripta, una meraviglia dell’epoca longobarda

Una volta entrati in chiesa, sull’altare maggiore potremo ammirare un bellissimo crocifisso ligneo risalente all’età romanica, uno dei più antichi e pregiati manufatti che si siano conservati in Toscana. Ma il vero gioiello della chiesa è la sua meravigliosa Cripta – risalente all’VIII secolo –, una rarissima testimonianza architettonica dell’epoca longobarda. La ‘selva’ di colonne che vedrai in questo ambiente di incredibile suggestione ti riporterà con l’immaginazione al tempo in cui i monaci officiavano riti religiosi sotto queste volte, avendo come luce quella delle candele, come suono quello dei canti in latino e come profumo quello dell’incenso. Dopo aver visitato la cripta della chiesa, potremo vedere anche il Museo dell’Abbazia che, oltre a preziose suppellettili, custodisce un facsimile di un grande capolavoro dell’arte della miniatura, conservato in questo monastero fino alla fine del XVIII secolo: la Bibbia Amiatina.

Alla fine di questo tour dell’Amiata, poco dopo che avrai lasciato Abbadia San Salvatore, scorgerai in lontananza la sfocata linea dell’orizzonte, in tutto simile all’indefinita linea del tempo che sul Monte Amiata pare essersi davvero fermato. Qui è dove la natura e la storia si fondono, regalandoti un’immagine della Toscana che non ti saresti mai aspettato.

Bibbia Amiatina

Dettaglio della Bibbia Amiatina

tour amiata

Cripta longobarda di Abbadia San Salvatore

Questo tour si può prenotare anche in combinazione con gli altri tour disponibili su Siena e Firenze, consultabili nel Menu.

La guida non è un’agenzia turistica, per cui non può prenotare servizi esterni, ma solo fornire info ai clienti sui servizi esterni.

Il costo del biglietto d’ingresso alla Fortezza di Radicofani e al Museo di Abbadia San Salvatore non è incluso nella tariffa del tour. Nel caso in cui non si voglia visitare i musei, il tour si può svolgere con un percorso alternativo. La guida non fornisce servizio di trasporto privato. 

Per i gruppi organizzati con bus turistico, ci sono punti di discesa e risalita dei passeggeri per ogni tappa (cliccare qui per visualizzare i punti sulla mappa). 

Per info sui biglietti dei musei, prenotazione del tour, o per avere il contatto di un driver autorizzato che fornisca il servizio privato di transfer, scrivere a:

info@guidaturistica-michelebusillo.com

consigli anti covid-19 amiata
  • EnglishEnglish
  • EspañolEspañol
  • ItalianoItaliano
  • A partire da 35 € a persona. 2 ore Scopri di più
    info@guidaturistica-michelebusillo.com

    Michele Busillo

    Guida turistica abilitata per il territorio di Siena e Firenze
    P.Iva: 05245900658
    Pec: michele.busillo@pec.it
    Cookie Policy
    Privacy Policy

    Contatti

    Per info su preventivi per i gruppi, o per personalizzare l’itinerario contattatemi a:
    Mail: info@guidaturistica-michelebusillo.com
    Mobile: +39 3332591526

    Chi sono

    Mi chiamo Michele Busillo e sono una guida turistica abilitata per le province di Firenze e Siena, in lingua italianaspagnola ed inglese. Vivo nel Chianti, a metà strada tra le città del Palio e la culla del Rinascimento. Amo far scoprire ai visitatori la bellezza di un territorio davvero unico.

    Copyright © 2018 by Guida Turistica Michele Busillo

    Michele BusilloGuida turistica abilitata per il territorio di Siena e FirenzeGuida Turistica in Toscana, abilitata per Siena e FirenzeTour di Firenze passeggiando per l’elegante centro storico della città.